De Bello Gallico

Il De bello Gallico è lo scritto più conosciuto di Caio Giulio Cesare, generale, politico e scrittore romano del I secolo a.C. Cesare visse in prima persona tutte le vicende riguardanti la conquista della Gallia. Uomo di grande cultura , descrisse in ogni dettaglio la sua campagna militare svolta a nord delle Alpi, nei territori abitati dai Belgi, dagli Elvezi, dai Galli e dai Germani ,inserendo nella narrazione molte curiosità sugli usi e sui costumi delle tribù barbariche con cui veniva a contatto. Con questa opera aveva anche l’obbiettivo di difendere il proprio operato. Non si potrà dunque ritenerla un'opera davvero rigorosa dal punto di vista storico, proprio perché in parte autobiografica: l'aspetto stilisticamente semplice potrebbe far pensare ad una raccolta di rapporti al Senato, mentre in realtà è un vero e proprio testo di propaganda elettorale. L'opera è stata scritta fra il 58 e il 50 a.C. e si divide in otto libri.
300px-Commentarii_de_Bello_Gallico.jpg